Per lo smaltimento e la bonifica dell'amianto si potrà accedere alle detrazioni irpef dal 50% al 65%.

Il decreto legge 63/2013 è da poco diventato legge e con esso si rendono attivi tutti gli incentivi Ecobonus grazie ai quali si potrà accedere a convenienti detrazioni fiscali che variano dal 50% fino al 65% sui costi per i lavori di smaltimento e bonifica dell'amianto o di eternit. Un aiuto economico molto importante, che abbatte gli altissimi costi di smaltimento fino a poco tempo fa insostenibili. Ogni cliente di Nuova Giro potrà dunque avere l’opportunità di recuperare almeno il 50% delle spese sostenute per lo smaltimento di amianto o di eternit. Per questo tipo di spese, inoltre, l'IVA sarà agevolata al 10% e si potrà accedere alla detrazione fino al 31 dicembre 2013.

Le detrazioni in questione comprendono sia i costi da sostenere per lo smaltimento delle coperture in eternit, sia di strutture realizzate con materiali contenenti amianto.

La Nuova Giro S.r.l. è un azienda certificata che si occupa di smaltimento e bonifica dell'amianto con un'esperienza decennale nel settore e una specializzazione nella gestione di interventi nelle più complesse e disagevoli condizioni, sia all'esterno sia all'interno dei fabbricati. Nuova Giro S.r.l. dispone di piattaforme aeree, ponteggi mobili e speciali attrezzature per l'esecuzione di lavori per fornire ai suoi clienti una gamma completa di servizi quali test amianto, smaltimento e ispezione. Interventi tempestivi per lo smantellamento di ogni tipo di struttura contenente amianto: dalla piccola tettoia, alle grandi coperture.

Approfitta delle detrazioni in vigore per questo tipo di lavori. Se la tua azienda o la tua casa necessitano di servizi di bonifica e smaltimento amianto non esitate a chiedere informazioni a questo indirizzo: ufficiotecnico@girocostruzioni.it o contattaci telefonicamente allo: 011 9034076 oppure al 349 1694597. Verrete ricontattati dal nostro ufficio tecnico e potrete accedere a un preventivo gratuito e senza impegno. NUOVA GIRO opera prevalentemente nell'area del Piemonte, Torino, Asti, Cuneo, Novara, Vercelli, Biella, Verbania.

 

APPROFONDIMENTI

Per saperne di più sul nuovo decreto legge ecco il link al testo del decreto sul sito della gazzetta ufficiale: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/06/05/13G00107/sg